«

»

Dic 11

CakePHP

Dopo molti tentennamenti, visto il framework Struts per Java, ho deciso di iniziare a sviluppare applicativi PHP con il tool MVC CakePHP.

Il paradigma MVC è una configurazione architetturale (design pattern), un acronimo per Model – View – Controller (approfondimento su Wikipedia inglese).

MVC design pattern - Tratto da Wikipedia

MVC design pattern - Tratto da Wikipedia

Ogni applicativo viene separato in tre componenti interagenti che sono:

  • Model (il modello): è in sostanza il modello dati su cui si basa l’applicativo, può essere un database, o un file xml, o altro ancora. Nel caso del database relazionale, nel modello definisco lo schema entità/relazione, cioè tutto l’insieme delle tabelle e dei vincoli di integrità referenziale: è la parte di PHP che parla direttamente con il database
  • Controller (la logica) definisce le azioni sulle entità del modello (vista, inserimento, modifica); un click dell’utente chiama un componente del controller e una volta terminata l’elaborazione del modello, il controllore invoca la vista adeguata per visualizzare i risultati.
  • View (la presentazione) definisce come visualizzare il risultato delle azioni sul modello (listato di una tabella, inserimento o variazione di una o più tabelle).

CakePHP fornisce nativamente un ambiente di controllo della connessione a database (scaffold, impalcatura) che consente a costo 0 di controllare se la configurazione del modello e le principali azioni su di esso sono funzionanti. Tempo fa avevo scritto uno scaffold che avevo chiamato TABULA che fa la stessa cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>