Openoffice.org

Spread the love

Mi è capitato talvolta che all’apertura di Open Office (versione 2.2) venisse avviata la procedura di recupero file corrotti (di solito in seguito ad un crash del programma o ad un arresto inatteso del sistema). Ogni tanto capita che, se fallisce il ripristino di uno o più files, al suo avvio Open Office mostri la schermata di ripristino perché i file da ripristinare non sono più disponibili nella cartella /tmp/, e il ripristino non è comunque più possibile. Questa situazione è destinata a permanere in eterno perché il recupero non può più essere effettuato.

Un modo per rimediare è il seguente:

Posizione file dei recuperi OpenOffice:

 <home>/.openoffice.org/user/registry/data/org/openoffice/Office/Recovery.xcu

La guida online (F1) recita:

Avviare il Programma di notifica errori. Nella maggior parte dei casi di crash del software, il Programma di notifica errori si avvia automaticamente. Tuttavia, se il software sembra essere bloccato e il programma non si avvia automaticamente potete avviarlo manualmente:
Accedete alla cartella del programma {office_install_path}/ e avviate il file crashrep.

Workaround alternativo:

Esco da OO (se già aperto). Con OO spento:

 $ vi <home>/.openoffice.org2/user/registry/data/org/openoffice/Office/Recovery.xcu

cancello le righe relative ai documenti citati nel prompt iniziale (nel campo oor:name) e le sostituisco con le righe:

 <node oor:name="recovery_item_2" oor:op="remove"/>

dove anziché item_2 può essere un item diverso, di solito più righe uguali in ordine da 1 a 15). Salvo e riavvio OO. Non appare più il prompt di recovery.

Nella versione 3.2 che ho in questo momento, tuttavia, il problema è stato risolto, per cui non serve alcun intervento (la coda dei file da ripristinare si svuota da sola).

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.