«

»

Ott 14

Coorperazione applicativa con Mirth, puntata 1

Dopo aver fatto un po’ di training sono in grado di spiegare un po’ meglio cos’è e come funziona Mirth.

Mirth è un software che assomiglia molto ad un PLC: elaboro una serie di input (sorgenti) e produco una molteplicità di output (destinazioni) in modo sincrono con la frequenza di scansione del programma. Ovvero ad ogni colpo di clock faccio una istantanea degli ingressi ed elaboro i valori delle uscite; se nel corso della scansione i valori cambiano non me ne curo.

Entrambi sorgenti e destinazioni possono essere webservice, database, file di testo… varie combinazioni:

  • leggo da un database, scrivo su un webservice
  • leggo da un webservice, scrivo su un servizio HL7
  • leggo da un servizio HTTP, scrivo su database e su file di testo…

Al pari della frequenza di scansione degli ingressi dei PLC, anche Mirth ha una frequenza di polling che però può essere impostata in modo indipendente da sorgente a sorgente.

Un’applicazione Mirth si compone di canali che sono processi che leggono da un insieme di sorgenti, eseguono una serie di operazioni (trasformazioni e filtri) e producono degli output su una o più destinazioni.

Esempio: scrivo in una istanza di Oracle, in un certo host, la temperatura registrata da un webservice ipotetico messo a disposizione da www.ilmeteo.it. In questo caso, definisco un nuovo canale che chiamerò “Temperature giornaliera delle ore 13” (nella scheda Summary) definendo una frequanza di polling in millisecondi, poi nella scheda Source definisco il tipo di connettore (in questo caso SOAP o HTTP Listener), scrivendo ad esempio l’indirizzo, il metodo di trasmissione GET/POST eccetera; infine, nella scheda Destinations definirò un connettore Oracle 10g Release 2, scriverò un template di SQL che verrà valorizzato con le variabili di canale (analogamente al PLC, è possibile definire delle variabili interne con uno scope variabile, da utilizzare a livello di canale, di singolo connettore o di tutta l’applicazione – globale).

Da un punto di vista generale è così che Mirth funziona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>