Qual è la differenza tra un programma e uno script?

Scrivendo gli ultimi articoli ho pensato di chiarire la differenza tra linguaggi di scripting e di programmazione. Il criterio di differenza più netto che ho trovato in rete è quello di suddividere in queste due categorie i linguaggi di programmazione allo stesso modo in cui si suddividono i linguaggi tra compilati ed interpretati.

Ma ho trovato parecchie inesattezze su quest’ultima classificazione, per una buona parte dei linguaggi attualmente disponibili.

La verità è che la differenza non è più così netta per tutta una serie di linguaggi molto popolari.

PHP non è un linguaggio interpretato come scritto da più parti, ma ha il suo bel bytecode generato a runtime da un compilatore che fa parte del core Zend. In pratica il compilatore Zend compila il sorgente in bytecode che viene poi interpretato dalla macchina virtuale Zend. Quindi non è veramente del tutto un linguaggio interpretato né del tutto compilato come si può dire del C.

Una risorsa che riporta un chiaro diagramma sul funzionamento di PHP è disponibile qui.

Anche Java viene trasformato in bytecode ed eseguito da una macchina virtuale (Oracle JVM, IcedTea etc).

La stessa cosa si può dire per Python in quanto anche qui ho una macchina virtuale che esegue bytecode (i file .pyc che vengono creati a runtime).

Quindi il codice che scriviamo non viene tradotto ed eseguito instantaneamente come succedeva per il BASIC, bensì viene compilato in bytecode e il bytecode viene interpretato.

C’è una importante differenza tra interpretazine dei bytecode e i programmi compilati puri come il C: il binding delle variabili, ossia il calcolo dell’indirizzo delle variabili, non è eseguito alla compilazione (anzi in realtà al momento dell’esecuzione del linker) ma all’esecuzione della virtual machine, quindi runtime. Nel C invece viene calcolata la posizione di memoria delle variabili in modo relativo nel codice hello.o e poi il linker le rende assolute nel contesto esecutivo del sistema operativo.

Javascript è un linguaggio di scripting poiché viene eseguito dal browser che diventa una sorta di “sistema operativo”. Ma anche questa nozione è superata. Il browser come Chrome in realtà opera una traduzione in bytecode, tramite il motore (engine, un altro modo di chiamare l’interprete) V8, degli script collegati alla pagina web. V8 è l’evoluzione dell’interprete JavaScript dei primi browser in un compilatore bytecode allo stesso modo di Java, PHP e Python. V8 è usato anche da node.js.

Un altro criterio distintivo potrebbe essere l’interazione con l’utente. Generalmente gli script consistono in una serie di comandi automatizzati che implementano la logica di un programma inteso come macchina di Von Neumann (inizializzazione di variabili, decisioni, cicli) e che vengono eseguiti in modalità batch, una modalità in cui il programma parte (spesso da solo, su innesco di uno scheduler come cron), fa una serie di operazioni e il risultato può essere verificato da un operatore a distanza di tempo e anche senza interazione alcuna con il software (ad esempio andando a vedere i log o i risultati in un database). In questa categoria si inseriscono gli script bash, potentissimi programmi Unix/Linux.

Riferimenti web

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.